3. Pazienti in Terapia per Osteoporosi

L’Osteoporosi è una perdita di massa ossea.

      
osso normale  -  osteoporosi                                                                                                                                                                                .

La terapia dell’Osteoporosi si giova di diversi farmaci.
Negli anni novanta è sata introdotta una nuova categoria di farmaci, i Bifosfonati e gli Alendronati.  Sono molto efficaci ma negli anni si è scoperto che costituiscono un grave rischio in alcune situazioni odontoiatriche.

Quasi tutti i Bifosfonati e gli Alendronati ostacolano gravemente la guarigione post-estrattiva di estrazioni anche banali e sono causa di gravi conseguenze, fino alla necrosi (morte cellulare) delle ossa mascellari.
Non abbiamo inserito immagini di questi inconvenienti perchè sono molto crude…

•    E’ molto importante segnalare al personale dello Studio la terapia con questi farmaci.
•    La pericolosità in campo odontoiatrico dipende dal tipo di farmaco e dalla via di somministrazione.

I farmaci somministrati per iniezione endovenosa o intramuscolare una volta alla settimana sono i più pericolosi, soprattutto se somministrati da lunga data.  Anche se vengono sospesi permangono nell’organismo ancora per molti anni.

I farmaci somministrati per bocca sono meno pericolosi.  Non sono ancora disponibili dati certi, ma pare che la sospensione della terapia per almento tre mesi riduca i fattori di rischio.

I rischi sono presenti nelle seguenti procedure:
•    estrazioni
•    impianti chirurgici
•    interventi parodontali
•    apicectomie

Nota importante.
- Prima di intraprendere terapie per l’Osteoporosi è assolutamente opportuno eseguire una visita Odontoiatrica e accertarsi di non avere bisogno di estrazioni o interventi di piccola Chirurgia Odontoiatrica. 

- Se la terapia con questi farmaci è già in corso bisognerà valutare caso per caso il rapporto rischio-beneficio di una sospensione della terapia.  Se l’estrazione è inevitabile ci appoggeremo a Centri Ospedalieri specializzati.

- Il mondo scientifico è ormai informato ma chiediamo ugualmente a tutti coloro che leggono queste righe di aiutarci a sensibilizzare su questo argomento tutte le persone coinvolte, parenti, amici, conoscenti e anche operatori sanitari: medici di base, ortopedici, fisiatri, ginecologi, fisioterapisti, infermieri…

…nell’interesse di tutti.  Grazie.

Per qualsiasi dubbio non esitate a contattarci.